Mosaici per piscine: finiture tanto ricche di storia quanto attuali

By 19 Settembre 2019Mosaici
mosaici piscine

L’aspetto completo e definitivo di una piscina interrata dipende dal rivestimento interno, che gioca un ruolo fondamentale sia per quanto riguarda l’estetica che il regolare funzionamento ed il relativo godimento della vasca. Il rivestimento, infatti, rappresenta la componente più esposta e visibile, che si estende dal fondo alle pareti della piscina, comprendendo talvolta anche i bordi e la pavimentazione perimetrale.

Il rivestimento migliore, più pregiato e di maggiore impatto estetico è indubbiamente il mosaico, da sempre utilizzato per realizzare progetti di pregio. I mosaici nelle piscine sono adatti ad ogni tipo di vasca, senza alcun vincolo di forma, dimensione o tipologia.

Raffinato, elegante e pregiato, il mosaico è la tipologia di rivestimento storicamente più usata per le piscine di lusso, in grado di offrire innumerevoli possibilità cromatiche. Con un rivestimento a mosaico, infatti, è possibile personalizzare la propria piscina con decorazioni scenografiche, motivi ornamentali e disegni anche molto elaborati, creando ambienti eleganti e di classe.

Conosciamo più da vicino i mosaici per piscine in muratura.

Mosaici piscine: caratteristiche tecniche e vantaggi

Scegliere un rivestimento a mosaico per la propria piscina di design è più che un semplice investimento. È l’inizio di un sogno.

Rispetto ad altre tipologie di rivestimento per piscine, come, ad esempio, PVC, malte cementizie, liner preformato, gres e vernici epossidiche, il mosaico garantisce:

  • maggiore resistenza ad abrasioni, scalfitture, impurità, raggi UV e trattamenti chimici dell’acqua della piscina;
  • maggiore resistenza al passare del tempo;
  • livello di impermeabilità di gran lunga più elevato;
  • versatilità;
  • infinite combinazioni cromatiche e decorative;
  • elevatissimo valore estetico e stilistico.

Il mosaico crea nell’acqua riflessi, effetti di luce e giochi di colore unici ed inimitabili, in grado di restituire all’ambiente tonalità inaspettate.

Mosaico in vetro per piscine

Con l’accostamento di tessere di varia natura e di vari colori è possibile realizzare composizioni cromatiche esclusive e decorazioni ricercate. Il mosaico in vetro e smalto, realizzabile in un’ampia gamma di colori, è il più adatto al rivestimento interno delle piscine interrate.

La produzione di tessere per mosaico in vetro, prodotte con l’80% di vetro riciclato, è estremamente apprezzata nel panorama green. I mosaici sono disponibili anche in marmo lucido.

Per il formato del materiale delle tessere, la sua finitura superficiale e la posa in opera, questo tipo di rivestimento ha un costo tendenzialmente più elevato rispetto ai materiali concorrenti.

Posa in opera

La posa in opera deve essere eseguita a regola d’arte. L’applicazione del mosaico richiede un trattamento di impermeabilizzazione interno ed esterno alla parete ed al fondo della piscina.

La maggior parte dei disegni per le vasche vengono ancora realizzati a mano. In commercio si trovano anche tessere già predisposte su fogli di varie dimensioni per facilitarne la posa in opera anche su superfici curve.

Composizioni cromatiche esclusive e personalizzabili

Che sia classica o geometrica, ampia e dedicata al nuoto o piccola e super accessoriata, la piscina deve rappresentarvi ed esprimere il vostro gusto personale in modo che, ogni volta che uscirete in giardino, siate soddisfatti dell’oasi di piacere, lusso e relax che avete creato per il nuoto e lo svago familiare.

Il rivestimento a mosaico permette di personalizzare la propria piscina e realizzare vari disegni e composizioni cromatiche. Disponibile in trame e colorazioni diverse, il mosaico è il rivestimento adatto a chi desidera creare un’opera dal forte impatto estetico.

La scelta del colore del rivestimento è molto importante. Ogni nuance ha, infatti, un effetto diverso. In genere, i colori chiari esaltano i riflessi azzurri del cielo, mentre le tonalità più scure donano un’allure elegante alla piscina. Tra i colori più richiesti abbiamo:

  • celeste;
  • sabbia;
  • blu;
  • bianco;
  • grigio chiaro;
  • grigio antracite.

Un rivestimento a mosaico conferisce, inoltre, una piacevole sensazione di ampiezza e profondità alla vasca. Contattateci per ulteriori informazioni ed una consulenza professionale.

Mosaici piscine: pulizia e manutenzione

Le tessere che compongono il mosaico garantiscono una lunga durata nel tempo. Trattandosi di prodotti ceramici o vetrosi, le operazioni di pulizia sono estremamente semplici. Effettuando regolari interventi di manutenzione, soprattutto sulle tante giunture tra le tessere, il mosaico è in grado di mantenere a lungo le sue proprietà estetiche e funzionali. In genere, per riportare la piscina al suo originario splendore basta rifare le fughe.

La composizione dei tasselli dei mosaici garantisce un’elevata resistenza alle impurità ed all’attacco di parassiti, muffe e funghi, rendendo il mosaico un rivestimento adatto all’applicazione anche in palestre, Spa e centri wellness.

Piscina interrata: quando trasforma l’abitazione in immobile di lusso

Chi realizza una piscina a servizio di un’abitazione esistente è spesso preoccupato della possibilità di dover ri-accatastare l’immobile in una classe catastale di lusso, proprio a causa della presenza di una piscina. Il passaggio ad una categoria catastale di lusso comporterebbe la perdita di alcune importanti agevolazioni fiscali, tra cui l’aliquota agevolata per l’acquisto della prima casa, ad esempio.

Con una piscina di design con rivestimento a mosaico, l’abitazione passa automaticamente a residenza di lusso? Occorre ri-accatastare la propria casa in una classe superiore? In realtà no. Possedere una piscina interrata, a prescindere dal tipo di rivestimento interno, non è una condizione sufficiente a determinare il passaggio dell’immobile ad una delle categorie catastali di lusso, con relativa esclusione dalle agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa.

La piscina di per sé non è soggetta ad imposte aggiuntive, qualora l’immobile non presenti altre caratteristiche di abitazione di lusso. I requisiti necessari per l’attribuzione della qualifica di lusso da parte del fisco devono essere almeno cinque tra i seguenti:

  • piscina con superficie superiore a 80 metri quadri;
  • campo da tennis di superficie superiore a 60 metri quadri;
  • abitazione con superficie utile superiore a 160 metri quadri, senza contare balconi, terrazzi, cantine, soffitte, scale, autorimesse e posti auto;
  • presenza di terrazzi di dimensioni superiori a 65 metri quadri;
  • scala principale rivestita con materiali pregiati, di altezza superiore a 1,70 m;
  • porte di ingresso in legno massello, pregiato, lastronato, intagliato, scolpito o intarsiato, con decorazioni elaborate;
  • pavimentazioni di pregio nel 50% della superficie complessiva;
  • pareti interne rivestite con materiali di pregio per oltre il 30% della superficie;
  • soffitti a cassettoni o ornati con stucchi dipinti a mano.

Ciò significa che, anche qualora decidiate di realizzare nella vostra piscina decori musivi elaborati, come, ad esempio, quelli realizzati in oro da Fantini Mosaici | Marmi in una residenza privata di Beverly Hills, in California, alla vostra abitazione non viene automaticamente attribuita la qualifica di lusso in assenza di altri requisiti.

TOP