Mosaici bellissimi: quando le tecniche tradizionali incontrano idee moderne

By 29 Maggio 2019Mosaici
Mosaici bellissimi

Tra le più antiche forme d’arte, il mosaico è una tecnica decorativa con cui è possibile creare motivi geometrici o composizioni figurative più o meno complesse accostando piccoli frammenti di marmo, vetro, pietra, smalto ed oro, detti tessere.

Fantini Mosaici | Marmi, leader in campo nazionale ed internazionale nella realizzazione di mosaici bellissimi, sta scrivendo un nuovo capitolo della storia dell’arte musiva. La storica azienda Fantini Mosaici | Marmi, con sede principale in Italia ed uffici negli USA e negli Emirati Arabi, rappresenta l’evoluzione del mosaico moderno con un suggestivo mix di innovazione, tradizione artigianale italiana, materiali innovativi ed audaci scommesse formali vinte sui competitivi campi del décor in tutto il mondo. L’unicità è un mantra di casa Fantini. Dal residenziale all’hospitality, molti settori hanno colto la forza comunicativa del mosaico. Ecco qualche esempio.

Il termine mosaico indica sia la tecnica decorativa che l’opera realizzata con tale metodo. Questa caratteristica decorazione artistica trova impiego prevalentemente su superfici ampie e lisce, come pareti, pavimenti e soffitti, ma anche curve ed irregolari, come cupole, volte ed archi.

La tecnica del mosaico ha origini antiche. Le prime forme di mosaico si diffondono nell’area mesopotamica intorno al IV millennio a.C. e raggiunge livelli di eccellenza nel periodo ellenistico.

La più alta vetta di eleganza e splendore viene raggiunta nella Roma Imperiale, che tramanda l’arte del mosaico alla cultura bizantina. Nell’impero bizantino l’arte musiva è ampiamente impiegata nella decorazione di cattedrali e luoghi pubblici di prestigio. Mosaici bellissimi risalenti a periodi assai remoti sono giunti fino ai nostri giorni, grazie alla resistenza dei materiali di cui sono costituiti.

Le antiche origini del mosaico non devono in alcun modo indurre a pensare che si tratti di una decorazioni artistica demodé, iperdecorata e per nulla attuale. Mosaici bellissimi si collocano oggi come protagonisti per la finitura di pavimenti e rivestimenti parietali di ville di lusso, boutique hotel, gallerie d’arte ed uffici di rappresentanza, assumendo un ruolo di prestigio grazie al suo valore stilistico elevato.

Il mosaico si armonizza con tutti gli stili d’arredo, dallo shabby chic al rustico, dal minimal al classico, dandovi la piena libertà di scelta per quanto concerne disegni e composizioni.

Materiali

Al giorno d’oggi, i mosaici possono essere realizzati con diversi materiali, dai più tradizionali ai più moderni, a seconda del risultato estetico che si desidera ottenere. I principali materiali utilizzati nella realizzazione di mosaici bellissimi sono:

  • marmo, materiale nobile e sempre attuale;
  • vetro, per soluzioni estetiche versatili che riflettano la luce;
  • resina, resistente e dal design ricercato;
  • metallo, di forte impatto;
  • pietra, meno lucida ma carica di fascino, adatta allo stile rustico;
  • ceramica, adatta a contesti moderni;
  • grès porcellanato, tra i materiali più innovativi.

Le nuove tecnologie hanno permesso di ampliare la gamma di materiali e di renderli più funzionali e resistenti.

Mosaici bellissimi: stanza da bagno

Grazie alla sua estetica intramontabile ed alla sua funzionalità, il mosaico è il protagonista indiscusso della finitura di rivestimenti e pavimentazioni, assumendo un ruolo di prestigio in tutta la casa. Il suo impiego maggiore nelle abitazioni riguarda la stanza da bagno, dai pavimenti alle pareti ed alla cabina doccia in muratura.

La scelta del colore deve essere determinata dal grado di esposizione e luminosità del bagno e dall’effetto che si desidera creare. I bagni degli appartamenti moderni tendono ad essere di dimensioni sempre più ridotte e spesso scarsamente illuminati o addirittura ciechi. In tal caso, il consiglio è quello di orientarsi su colori chiari e tenui, come il crema, l’avorio ed il bianco, che riflettano la luce. In stanze da bagno di dimensioni più generose e dotate di una o più finestre, vi è più libertà di scelta. Oltre alle tonalità chiare, i colori scuri sono ben accetti, purché lo stile ed il design siano ben calibrati.

Che decorino una parete, che rivestano la cabina doccia o che fungano semplicemente da cornice artistica per lo specchio, i mosaici bellissimi doneranno all’ambiente un fascino particolare.

Mosaici bellissimi residenza privata milano fantini bagno nero marmo

Mosaici bellissimi: cucina

Scegliere il mosaico per il rivestimento delle pareti della cucina assolve ad una duplice funzione. Oltre a proteggere le pareti da condensa, grasso, vapore e schizzi di olio ed essere più facilmente pulibile di un classico rivestimento in muratura, il mosaico con il suo elevatissimo valore estetico e stilistico arricchisce la cucina con una nota di charme ed eleganza.

Per rimuovere macchie di grasso o schizzi d’olio dalle superfici basta passare un panno inumidito. Per eliminare le impurità che tendono ad accumularsi tra le tessere, invece, il consiglio è quello di ricorrere alla pulizia con il vapore. Dirigete il getto della vaporella sulle fughe e lasciate agire per qualche secondo. La sporcizia si scioglierà all’istante e non dovrete fare altro che ripulire le superfici con un panno morbido, previamente inumidito.

Metodi di applicazione

Un mosaico può essere realizzato in due modi, seconda del tipo di superficie, del disegno e dello spessore delle tessere da assemblare. Vediamoli.

Metodo diretto su supporto

Il metodo diretto prevede che il disegno da realizzare sia posto direttamente sulla superficie da rivestire. Il disegno funge, quindi, da guida da seguire per installare le tessere del mosaico.

Il metodo diretto è utile in caso di:

  • composizioni multicolore in quanto consente di seguire man mano le linee e le suddivisioni tra le forme del disegno;
  • forme geometriche astratte;
  • superfici curve o irregolari.

Si tratta del metodo più veloce e che permette di avere subito una visione d’insieme di quello che sarà l’effetto finale.

Metodo diretto su calce

Con la tecnica diretta su calce, le tessere del mosaico vengono inserite in uno strato di argilla, malta o calce tenuto costantemente bagnato, in modo che rimanga lavorabile e consenta di tracciare il disegno guida. Si tratta di un metodo adatto alla realizzazione di mosaici figurativi complessi.

Metodo indiretto o a rovescio

Il metodo indiretto prevede che le tessere del mosaico vengano incollate a rovescio su rete o su carta. Tale supporto viene poi capovolto sulla superficie da decorare. Si tratta di un metodo utilizzato prevalentemente per le superfici piane ed ampie, ed ammette l’applicazione di tessere di spessori diversi.

Tecniche per realizzare mosaici bellissimi

Mosaico classico

Il mosaico a tecnica classica utilizza marmi, smalti ed ori di diverse misure, creando andamenti elaborati. Con il mosaico classico è possibile realizzare le opere più svariate, anche di grandi dimensioni. La tecnica del mosaico classico è applicabile a pareti e pavimentazioni interne ed esterne ed a superfici curve ed irregolari, come, ad esempio, cupole, archi ed arredi.

Mosaico romano

Tecnica utilizzata per pavimenti, tappeti, rosoni e fasce decorative, il mosaico romano è composto da tessere di marmo di forma prevalentemente quadrata, uniforme e dall’andamento lineare.

Mosaico moderno

Il mosaico a tecnica moderna ammette più ampi margini di libera nell’utilizzo dei materiali e consente di sfruttare le volumetrie e le luci delle diverse facce delle tessere. Oggi il mosaico classico convive con quello moderno, che si esprime con maggiore libertà.

Desideri arricchire la tua abitazione, ufficio o esercizio commerciale con mosaici bellissimi? Contattaci per un preventivo.

TOP